Persone e Mandala

Nel mio viaggio sulla via del mandala ho incontrato, conosciuto o
scambiato opinioni, studi e opere con artisti, esperti, amanti dell'arte del mandala.
In questa pagina trovano spazio i loro contributi.

































Mandala di Dacia nel nome del simbolismo

pubblicato 06 set 2016, 23:03 da Annalisa Ippolito

In occasione del festival del fumetto di Bruxelles, tra gli stand dedicati alla cultura Europea e Internazionale mi sono imbattuta in un libro quadrato, dalla copertina rossa, un libro da colorare, dal titolo “Mandale - Dacide”  (Mandala di Dacia). 

Il libro è il risultato di un progetto a quattro mani, di cui sono già arrivati al secondo volume, i mandala sono di Mihai Ionț Grăjdeanu, disegnatore e , testi sono di Mădălina Corina Diaconu giornalista laureata in Storia dell'arte all'Università di Bucarest. Entrambi sono lì a promuovere il progetto e la storia della loro Terra di origine l'antica Dacia, l'odierna Romania, attraverso libri disegnati e fumetti. 
Il libro sui mandala si inserisce in questa valorizzazione e ricerca delle radici. Dato che sono entrambi presenti e ho la possibilità di scambiare due chiacchiere e chiedere com'è nata l'idea di questo libro.

I soggetti dei mandala sono tutti ispirati dalla storia delle origini della Dacia, pre-romana e quella romanai manufatti e gli stemmi, la gioielleria di origine traco-geta, perfino le armi dei daci riportate sulla colonna Traiana. 
  

Gli antenati Daci hanno lasciato un patrimonio culturale-artistico che merita una rivisitazione e  un recupero mi  dice Mihai. Lui ha avuto l'idea mentre guardava il tempio di Sarmizegetusa, che fu capitale del Regno di Dacia, fino alla conquista romana del II secolo d.C. un sito archeologico ancora oggi visitabile. Il suo distretto era un importante sito spirituale e il suo tempio posto proprio al centro delle costruzioni non solo era circolare ma aveva anche una funzione calndariale e veniva utilizzato anche come segnatempo per gli eventi piu importanti. La scelta di questo sito è suggestiva proprio perché la sua ciclicità corrisponde al concetto di mandala e dell'organizzazione del tempo.
Partendo da questo primo esperimento, poi ha avuto l'idea di creare mandala specificatamente ispirati alla cultura rumena arcaica partendo dai simboli recuperati sui gioielli, sul vasellame, sulle monete e sugli stemmi trovati nei siti archeologici. 

A questo proposito quando gli chiedo quale sia il suo preferito lui mi mostra il simbolo del sole con le sue teste di cavallo.  Ispirato ad una applique, del V - IV sec a C. appartenente al Tesoro di Craiova, il mandala ha a che fare con il sole e il suo circolo. 
Le appliques originali hanno tre o quattro teste di cavallo che sono riportate fedelmente nel mandala, proprio per ricordare la ciclicità del tempo e del mandala.

Il simbolo ricorda con il tre la triskell celtica, nel quattro la svastica buddista, ma aggiunge  Mădălina “questo simbolo 
è molto più antico di quello tibetano”, già, perché la spirale è l'origine dell'universo ed indica la forza generatrice della vita e come iconografia si trova persino sulle incisioni paleolitiche. Mentre li ascolto, penso a quante similitudini tra le culture e questo mi convince, se ce  ne fosse ancora bisogno, che esiste nel mondo interiore un legame spirituale, antico quanto la coscienza o forse meglio dire l'incoscienza, ma che comunque abita l'anima e il sentire dell'intera umanità. 

Il sole, per esempio, è rappresentato con un cavallo anche nei mandala tradizionali tibetani, il cavallo ha origini caucasiche e nella mitologia e nell'immaginario collettivo è l'allegoria della potenza, della forza e della velocità. 
Su questa immagine voglio fermarmi, perché il cavallo secondo la tradizione buddista fa il giro del mondo quattro volte portando ovunque il Dharma e le preghiere dei meditanti. Mi piace pensare che il cavallo del sole oggi mi abbia portato un incontro inatteso “nel nome del simbolismo” con il mandala e il suo potere enorme, come la dedica di  Mihai Ionț Grăjdeanu mi ha suggerito. 

Gonkar Gyatso – arte contemporanea, buddismo e mandala

pubblicato 08 mag 2016, 04:31 da Annalisa Ippolito   [ aggiornato in data 08 mag 2016, 04:33 ]

Gonkar Gyatso  è una artista contemporaneo, nato in Tibet, ha studiato prima a Pechino, poi a Dharmsala e attualmente vive a Londra dove ha fondato la “Sweet Tea House”, una galleria di arte contemporanea tibetana. 

Le sue opere sono un omaggio alla tradizione spirituale del buddismo ma realizzate con adesivi che sono un evidente riferimento alla cultura di massa del XXI secolo. Cresciuto in Cina in un’epoca in cui la cultura tradizionale del suo paese di origine, il Tibet, e quella occidentale erano ostracizzate, ridicolizzate e strettamente soppresse, Gonkar Gyatso tenta una mediazione e di far convivere le anime dei mondi in cui è cresciuto e in cui si è evoluta la sua parabola di artista. 
Il suo ideale è - come racconta in un’intervista di Alex Allenchey – la coesistenza tra le due (spiritualità tibetana e cultura occidentale e consumista ndr) perché anche quando la pratica religiosa diventa estrema può essere oppressiva. 

Così nella raffigurazione dell’immagine del Buddha attraverso stickers e ritagli di giornale Gyatso si propone di esprimere un ponte tra “il riflesso dell’illuminato che vede la totalità del tutto e tutto cerca di comprendere” la Città moderna che a suo modo è un altro tipo di contenitore. Le aree urbane, in cui convivono e talvolta si scontrano, persone, idee e culture diverse si trasforma in uno spunto per una meditazione privata che porta Gyatso a dare un senso al mondo attraverso la sua pratica di ritaglio e assemblaggio.

L’arte di Gyatso, restituisce una forma contemporanea di mandala, dove la rappresentazione dell’universo moderno, attraverso la raffigurazione di antiche forme racconta una spiritualità avanzata e capace di riassorbire nel presente quotidiano la tradizione e la ricchezza spirituale di un popolo e della sua umanità. 

Più informazioni sull’artista e sulle fonti
http://gonkargyatso.com/
https://tibetanartcouncil.wordpress.com/
http://www.todayonline.com/

Testimonianze: Il mandala tempo di cambiamenti

pubblicato 07 ott 2015, 00:40 da Annalisa Ippolito   [ aggiornato in data 07 ott 2015, 01:26 ]

La sezione Testimonianze si arricchisce di una riflessione: Eloisa Agliata e' una dottoressa in filosofia e counselor gestaltica; ci siamo incontrate sulla via del mandala e ogni volta l'impressione di avere incontrato un'anima affine mi accompagna forte. Con grande gioia ho assistito al fiorire di una bella anima e di una professionista seria e dedicata. Insieme abbiamo parlato, immaginato il mondo "mandalicamente" e con profonda emozione ho visto le sue visioni prendere forma nel suo primo laboratorio dedicato a questo strumento. Mi pregio  di aver raccolto questa sua testimonianza sul mandala per condividerla con tutti i lettori come ringraziamento per il grande dono del "cerchio sacro". 


Da sempre il “ conosci te stesso” ha guidato la mia vita; da quando ero bambina ho sempre sentito un desiderio di conoscenza che non mi permetteva di accontentarmi di ciò che appariva ai miei sensi e via via che crescevo le grandi domande esistenziali che da sempre l’Uomo si è posto iniziavano a farsi spazio dentro di me: “ Chi sono, da dove vengo, qual è il senso da dare alla mia vita.” Ecco, credo che sia proprio la ricerca di senso che mi abbia spinta ad incontrare il Mandala, o forse a riconoscerlo. 

Ricordo ancora quando in un sogno, durante un momento di grande confusione e cambiamento mi apparve questa forma circolare con un puntino al centro: da lì è iniziato un viaggio. Ho cominciato dapprima con il colorare Mandala ed ogni volta che i colori prendevano forma ne ero rapita, il tempo volava, e terminata la colorazione avvertivo al mio interno un cambiamento che in seguito ho imparato a codificare come “centratura”: il Mandala mi guidava nel mio centro. Approfondendo sempre di più la conoscenza di questo simbolo, mi rendevo conto delle profondità nelle quali era capace di condurmi. I colori, le figure che liberamente lasciavo che venissero a galla dopo ogni Mandala mi guidavano in una dimensione misteriosa e sconosciuta che piano  - piano salivano alla mia coscienza e consapevolezza. 

Ogni appuntamento con il Mandala era ed è un appuntamento con il mio spazio sacro, quello abitato dall’anima. Con il tempo ho imparato essere uno spazio da rispettare, onorare e proteggere. Questo è per me il Mandala: dialogo e scoperta con e di se stessi, del principio che ci anima verso la realizzazione di esseri umani.
E’ come se rappresentasse la danza circolare della vita e quel movimento di evoluzione a spirale di cui parlava Jung: quel continuo movimento che dall’interno verso l’esterno e dall’esterno verso l’interno prosegue in un processo di armonizzazione degli opposti, da noi agli altri e dagli altri verso di noi.

Oggi, grazie anche all’incontro con altre persone tra cui Annalisa che ringrazio profondamente, sono consapevole, che tutta questa ricchezza è un dono ricevuto da condividere, così è nata l’idea del laboratorio di autoconoscenza sul femminile condotto a giugno con l’Associazione Hermes di Taranto e La casa delle Donne. E’ stata un’occasione di grande scambio tra tutti i partecipanti. Il Mandala, ancora una volta, mi ha stupita con il suo grande potere di arrivare all’essenza ed al cuore di chi è pronto a ricevere e ad accoglierne il suo messaggio. 
Per me, il suo, di messaggio, è stato potentissimo: è tempo di cambiamenti….
….e il viaggio continua...
Eloisa Agliata

I 'Mandala' di Philippe Waty

pubblicato 27 set 2015, 09:16 da Annalisa Ippolito   [ aggiornato in data 27 set 2015, 09:17 ]

Fino al 10 ottobre a Bruxelles, presso la galleria INTUITI ha luogo una mostra dal titolo: “Mandala”. 

L'autore delle opere è Philippe Waty, esponente della moderna pop art, che dagli anni '70 ha elaborato una filosofia espressiva improntata alla lettura e rielaborazione di Logo e simboli che sono parte della nostra esperienza quotidiana. Nell'ottica che ogni simbolo ha un significato, più o meno celato e sublimato, Waty si lancia nell'esplorazione di geometrie antiche e la sua figura più compiuta: il cerchio. 


Le sue opere introducono  in un mondo di colori e forme esplosivi e, dove non c'è spazio per le sfumature, tutto è molto esasperato e impresso con ardore nuovo. Waty con i suoi mandala unisce l'espressione del movimento artistico degli anni '80 e '90 che ha guardato alla pop art e il grafismo della pubblicità, dei loghi e delle insegne.


Le sue figure,  assumono nuove funzioni e soprattutto nuovi significati, traducendosi in un linguaggio visionario e innovativo, che danno una lettura della realtà completamente nuova e alternativa.


I mandala di Waty costituiscono una sfida ai nostri sensi e una sfida all'armonia e all'equilibrio che siamo abituati a cercare nel mandala. 


L'arte di Waty è un'arte che guarda alla strada, al mondo contemporaneo, alla “scrittura” pubblicitaria degli anni 80 e 90 dello scorso secolo, quando la sua già forte espressività si riempie di colori primari e forme di una compiutezza estrema.


Molto interessante come esperienza di contemporaneità il connubio tra il linguaggio del colore puro,e l'antico e atavico significato del cerchio, sinonimo di infinito. 


Il tentativo di creare un legame nuovo tra quei simboli antichi e il colore puro è nell'intenzione dell'artista un tentativo per trasformare la realtà, o quello che questi simboli rappresentano, in qualcosa d'altro. Perché uno dei ruoli dell'artista è anche quello di trasformare e riscrivere la realtà, renderla interessante tramite un gioco. Perché come espresso in una intervista l'artista in fondo gioca.


Una interessante retrospettiva dedicata a questo artista scomparso nel 2012 di cui ci restano alcuni mirabili e sicuramente provocatori mandala.


Info:
http://galerie-intuiti.tumblr.com/



Parlando di mandala con Sue O'Kieffe

pubblicato 07 set 2015, 03:37 da Annalisa Ippolito   [ aggiornato in data 07 set 2015, 03:37 ]

Sue O'Kieffe e' un'artista visionaria e ispirata dalla natura e dagli elementi, crea mandala elaborando le sue foto e ascoltando l'ispirazione della voce interiore.
Ora ho il piacere di condividere questa sua testimonianza sul mandala e il suo modo originale di crearli. 
un bello scambio che nasce dalla nostra frequentazione telematica che dure da anni quando entrambe frequentavamo uno dei primi forum sul tema...

Ci racconta di come ha conosciuto il mandala al college, come ha cominciato ad elaborare i mandala partendo dalle sue fotografie nel 2005, di come si lasci ispirare dalla natura e dai messaggi del cosmo...

Clicca qui per la versione integrale in inglese e buona lettura.


“Mandala di Riso – Dal risone al rosone” a Vercelli maggio 2015

pubblicato 20 mag 2015, 06:31 da Annalisa Ippolito   [ aggiornato in data 21 mag 2015, 09:11 ]

Nulla accade per caso. E' un detto al quale credo, cosi' quando tra le mail che ricevo trovo quella di Livio Bourbon mi incuriosisco e ci sentiamo per telefono. Scopro un evento che mi piace proprio raccontare, invitando tutte e tutti quelli che possono a partecipare.
A Vercelli dal 22 al 24 maggio  all'interno della Borsa Merci e' realizzato un grande mandala di riso che inscritto in un quadrato di 400 metri quadri risulta essere il piu' grande mandala di riso al mondo.

Alla realizzazione contribuiscono gli studenti del Liceo Artistico Alciati, e quelli delle scuole medie di Avogadro e Pertini, riproducendo il rosone della facciata della basilica di Sant'Andrea. 

La costruzione prevede l'uso di piu' di 2000kg di scarto della lavorazione del riso, (che alla dissoluzione sara' recuperato e dato in pasto agli animali delle cascine della zona) e sara' di tre qualita': Nerone (nero), Kolorado (rosso), Gloria (bianco).

Il mio stupore e l'ammirazione per questo evento si colorano di un tocco personale, in quanto insegnante di storia dell'arte e appassionata studiosa di mandala, l'evento mi entusiasma. E mi ispira alcune riflessioni.

Livio Bourbon mi conferma che alcuni monaci e il vescono di Vercelli benediranno il mandala al termine della sua realizzazione dando a questo evento un significato spirituale dalla forte simbologia

Il mandala orientale e' uno strumento di meditazione, il rosone nella chiesa medievale, ha la stessa funzione catalizzatrice dell'attenzione del fedele. Entrambi sono un ponte nell'anima tra l'essere umano e il divino. Entrambi guidano lo spirito del meditante e del fedele verso la conoscenza della Verita' e l'apertura all'amore di Dio. Entrambi hanno l'importante funzione di promuovere l'unione del mondo personale, interirore, il cosiddetto “microcosmo” con il mondo esterno, trascendente, spirituale il ”macrocosmo”. 

La straordinaria commistione dei due orientamenti unisce in unico simbolo unitario, il cerchio mandalico, sia il mondo orientale sia quello occidentale con significati di amore e pace. In un cerchio non ci sono privilegi, non ci sono differenze, le distanze dal centro sono le stesse in ogni punto, e' una sfida entrare nel mandala e conoscere se stessi. Mantenere la propria personale individualita' eppure sentirsi parte di un tutto, legati ad un infinito di cui si comprende l'immensita' e' una esperienza eccezionale e nel mandala, come nel rosone, questo e' possibile. 

Il mandala e' una offerta, un ringraziamento
e in questo caso creato con il riso di tre colori puo' essere visto come un particolare gesto di ringraziamento alla generosita' con cui nel Vercellese la terra dona il riso ai suoi abitanti infuenzandone la vita quotidiana, l'economia e la cucina.

Nell'uso dei colori, incontro la terza riflessione, i colori originali degli yantra sono bianco, nero e rosso. Nello yantra questi tre colori rappresentano le tre qualita' della natura materiale (prakti); al bianco e' associata sattva, indica la luminosita', la luce della natura manifesta, la piu' pura; al rosso e' associata la qualita' rajas, il principio generativo, dinamico della creazione; al nero e' associato tamas, la forza discendente, l'aspetto dell'orscurita' dell'indolenza “dell'ignoranza”. 
I colori sono una forza simbolica, indicano uno stato di coscienza e non sono mai usati casualmente nello yantra come nel mandala, cosi' come nelle antiche vetrate medievali i colori erano un richiamo alla luce divina. 
Il riso con i suoi tre colori fondamentali stende un filo tra Vercelli e le il Sub~continente indiano, dove gli yantra fungono da veicoli per la meditazione e con scopi protettivi e beneagurali. 
L'ultima riflessione e' personale, il rosone di Sant'Andrea a Vercelli e' il primo mandala tra quelli che ho colorato... e lo conservo ancora con affetto, come una pietra miliare nel mio cammino personale e di scoperta. Ecco il mio grazie di condivisione perche' nulla accade per caso. 

Per ogni informazione sulle giornate di Vercelli  
o sulla pagina FaceBook

Workshop Donne e Mandala - Roma - 15 marzo

pubblicato 16 mar 2015, 16:30 da Annalisa Ippolito   [ aggiornato in data 16 mar 2015, 17:05 ]

Il 15 marzo si e' svolto a Roma l'incontro "Donne e Mandala un incontro alla scoperta del cerchio sacro tra simboli e colori", presso il centro Spazio MACSI un gruppo di donne si e' incontrato per dedicarsi all'esperienza del mandala. 

La giornata e' volata via tra simboli, colori, qualche lacrima, molti piu' sorrisi e la sperimentazione di noi stesse e delle nostre capacita' creative attraverso il mandala.

Insieme, sconosciute e riconosciute, sedute in cerchio nel grembo della grande dea, abbiamo celebrato il nostro femminile confrontandoci e crescendo, offrendoci reciprocamente spunti di riflessione e rendendoci partecipi delle sensazioni e delle nostre creazioni mandaliche.

Alla fine ci siamo regalate un mantra collettivo, l'augurio del gruppo e, io con piacere, lo pubblico qui perche' si espanda e vibri per ogni donna che lo desideri. 

"Mi accetto con rispetto,
Libero con fiducia la mia aggressivita' e,
Con coraggio e leggerezza
Accolgo l'amore"

Nella galleria qui sotto alcuni momenti della giornata accompagnata dal un enorme Grazie a tutte e a ciascuna...

 


TESTIMONIANZE: 1000 MANDALA di Sara Campagna

pubblicato 17 set 2014, 02:57 da Annalisa Ippolito   [ aggiornato in data 17 set 2014, 03:11 ]

Il settore Testimonianze si arricchisce di una bellissima esperienza, che pubblico con l'auspicio che possa essere utile anche ad altre persone, per pensare e riflettere per ringraziare del grande dono che condividiamo.
Grazie a Sara e ai piccoli appassionati di mandala. Annalisa

Dico sempre che giro intorno al Mandala da quando avevo circa vent’anni e lo dico con sincerità perché il mio è stato un percorso lento e calmo nei confronti del Mandala.
Ora di anni ne ho quarantotto e qualche tempo fa - quando mi sono resa conto che la mia casa e la mia vita erano piene di cerchi e di mandala - ho capito che ero nel Mandala!
Ho alle spalle passioni e professioni che ho convogliato in Laboratori artistico creativi sia per adulti che per bambini, nei quali ho la specializzazione.
Ho la passione per i “piccolissimi” e porto la conoscenza e la magia del Cerchio sin negli Asili nido: uno spettacolo!
Questa primavera Annalisa, venendo a conoscenza di un progetto che avevo in corso, mi ha chiesto di dare la mia testimonianza ed è quindi con piacere che scrivo per Mandalaweb questa mia ultima e bellissima esperienza! 

“Quest’anno ho realizzato un Progetto sul Mandala presso una scuola primaria di Todi, in Umbria regione nella quale vivo.
L’opportunità è stata davvero grande in quanto il progetto ha coinvolto un intero plesso scolastico con la partecipazione di tutte le classi, dalle prime alle quinte, e di tutto il personale docente, compreso gli insegnanti di sostegno.
Ho lavorato con 165 bambini nell’arco di quattro mesi: il Mandala ha davvero trovato il modo di esprimersi!

Le tecniche di realizzazione sono state varie: individuali, a gruppi e collettivo; con matite, 
acquarelli e gessi; su carta, cartoncino, alluminio, stoffa e sassi; e infine per terra con materiali naturali – riso, sassi, mais, sabbie colorate ecc.
Inoltre al progetto ho dato un taglio multiculturale, proprio per ben inserirlo come complemento di un programma scolastico: per favorire e sviluppare quest’aspetto mi sono avvalsa di immagini, musica etnica ed esercizi di gruppo in Cerchio. Questa modalità che muove più centri di conoscenza ed apprendimento dell’essere umano ha valorizzato ulteriormente l’efficacia del Mandala.
Esso quindi è stato vissuto sia come strumento di espressività artistica ed architettonica e sia come strumento di conoscenza in genere (uomo-terra-universo): il Mandala in Natura posso proprio dire che è stato percepito, osservato ed apprezzato e so che costituirà fonte di relazione per il resto della loro vita! E non è potuto mancare, in ultima lezione, il messaggio di unione e di Pace che il Mandala trasmette.
Messaggio che i bambini sentono molto...

Posso dire che tutti si sono appassionati, compreso il personale ausiliario! 
Tutti hanno trovato: hanno trovato forme e colori, vitalità ed equilibrio, singolarità e coesione, filosofia e scienza... per quella magia che il Mandala riesce sempre a creare con la sua legge del “divenire”, con il suo respiro concentrico che in ogni attimo ci fa scegliere dove stare, riservandoci sempre un posto: proprio quello che fa per noi in quel momento!
E’ questo che hanno sentito e colto i bambini: che c’era un posto per tutti, ognuno con il suo livello ed il proprio modo di esprimersi. L’azione accogliente, compenetrante e non giudicante del Mandala ha fatto sì che anche i bambini più solitari, difficili o “diversi” nell’arco di qualche lezione siano riusciti ad esprimersi liberamente, partecipare e donare la propria fiducia... con grande sorpresa delle maestre e massima gratificazione da parte mia! Io che nel Mandala ci credo e ci lavoro non per moda ma per passione e scelta professionale: il mandala attiva la maieutica e l’autoconoscenza e quindi aiuta i bambini a scoprire, scoprirsi, osservare e relazionare.

1000 Mandala abbiamo fatto! 1.000 Mandala abbiamo esposto alla mostra finale: i bambini erano felicissimi e non è finita qui: l’ultimo giorno di scuola abbiamo fatto tutti insieme un Cerchio intorno alla scuola, un “Mandala vivente” di 180 persone!
Perché il Mandala non è solo un disegno ma un modo di essere e di fare. E i bambini lo hanno capito, capito e dimostrato con le loro opere e le loro innumerevoli domande e riflessioni.
Hanno apprezzato tutti i mandala delle culture prese in considerazione ma riporto con particolare accento l’interesse suscitato dalla struttura del mandala tibetano, che peraltro con grande istinto si sono messi a realizzare da soli dopo la visione delle immagini e prima ancora che io dessi loro alcuna indicazione!

In particolare una immagine colpiva sempre tutte le classi: un Mandala di Kalachakra che avevo trovato su sfondo dorato. Ogni volta che mostravo questa immagine la stanza si riempiva di meraviglia, stupore e acclamazione e dovevo sempre soffermarmici parecchio perché quello che suscitava il cosmogramma con la sua geometria era davvero entusiasmante...

A me queste 4 porte sono proprio piaciute!”

“Maestra Sara ma se le 4 porte sono anche le 4 direzioni allora possiamo dire che anche il centro fa un’altra direzione?” - vi assicuro che è un’intuizione grandissima e che il bambino in questione aveva meno di 7 anni!

Porto nel cuore le loro riflessioni, le infinite domande e curiosità, nonché i grandi silenzi di ascolto partecipativo e nella mente porto soprattutto le immagini degli esercizi di gruppo in Cerchio con la musica...

Porto in ultimo la grande spinta che questo progetto mi ha donato: nel vedere come Tutti veramente riescano a trovare un posto, un modo e soprattutto se stessi in modo istintivo ed in tempi brevi, ho deciso di formarmi come Arteterapeuta.

Con la speranza e l’augurio di proseguire sempre di più nel cammino della Conoscenza ed in compagnia del Mandala...”

Sara Campagna, 13 luglio 2014


Testimonianze: Il messaggio di Lucia

pubblicato 04 mag 2014, 01:13 da Annalisa Ippolito   [ aggiornato in data 04 mag 2014, 01:28 ]

Una nuova testimonianza che pubblico riconoscente e con il permesso di Lucia.
Grazie per la bella condivisione. Annalisa
-----------------------------------------------
Cara Annalisa,
              ieri sera ho riguardato i due lavori fatti sugli inconciliabili e sono giunta alla conclusione che l’uno senza l’altro non possono stare. Devo essere sincera, li avrei buttati entrambi tanto non mi piacevano. Ma ieri sera li ho guardati meglio, uno vicino all’altro, e ho capito che il paesaggio luminoso e bucolico per me da solo è stucchevole senza quell’ombra, che pure da sola sarebbe forse troppo cupa.
L’una completa l’altra e solo insieme possono stare.

E poi ho ripensato al cuore che ho disegnato all’inizio e penso che solo ciò che rappresenta “l’amore incondizionato” possa essere la chiave da utilizzare, se ci si riesce essendo comunque molto impegnativo, per guardare l’ombra e anche la propria rabbia senza fare danni a se stessi e agli altri.

i miei lavori potrebbero essere letti anche in base alla mia esperienza di vita. Undici anni fa ho dovuto affrontare una terribile malattia e proprio prima di iniziare la chemioterapia scrissi una poesia, senza pretese letterarie ovviamente, che si concludeva proprio con fiumi di lava incandescente che avrebbero dovuto distruggere le eventuali cellule maligne rimaste in circolo. Se riguardo il mio lavoro sulla rabbia mi sembra di rivedere quei fiumi di lava, ed è forse per quello che alla fine del lavoro, anche se stanca, sorridevo. E quello che tu hai suggerito che potrebbe essere una primavera forse può essere vista come una rinascita.

Queste sono le mie riflessioni sull’intensa esperienza fatta insieme. Mi è sembrato giusto condividerle con te. 
Grazie e buona vita a te. Lucia

Pietre e cristalli nei Mandala dall’Africa

pubblicato 29 mar 2014, 09:08 da Annalisa Ippolito

Ronel E Duvenage e’ una eclettica artista africana e ci racconta come abbia iniziato senza nemmeno rendersi conto di creare e dipingere o colorare forme mandaliche se non propri mandala e di come, alla soglia dei cinquanta anni, abbia scoperto materiali speciali come le pietre e i cristalli.

Ci racconta di quanto le pietre siano dei portatori di salute, abbiano facolta’ guaritrici e di quali siano le sue fonti di ispirazione. Benche’ le immagini scaturiscano dalla sua interiorità, interamente fatte a mano, e come, nei "Sacred Dream Mandalas”, posata una pietra in centro poi tutto il lavoro proceda autonomamente.

L’intera intervista e’ in inglese a questa pagina: http://url.mandalaweb.info/MandalafromAfrica

1-10 of 47